Mese: ottobre 2013

Pittura : B. Luini

Pittura : B. Luini

Luini mostra già le caratteristiche del suo stile maturo, costituito da un’originale sintesi tra lo sfumato di Leonardo e il rigore metafisico-prospettico di Vincenzo Foppa, Bramantino e Zenale. Nella città di Legnano la basilica di San Magno dietro l’altar maggiore conserva un suo bel polittico del 1523 con la “Madonna col Bambino, cinque angeli musicanti e santi” e nel timpano “Padre Eterno”; nella predella, nove scene della “Vita di Gesù”, monocrome. Di seguito, negli anni venti del XVI secolo, la sua arte virò in direzione di un pacato, raffinatissimo classicismo, come è evidente nelle numerose sue “Madonne col Bambino” (la “Madonna del roseto” ora a Brera, proveniente dalla Certosa di Pavia), negli affreschi con “Storie dell’Esodo” e “Storie di Apollo e Dafne” della Villa della Pelucca, eseguiti dal 1521 al 1523 (oggi a Brera), in quelli del Santuario di Saronno (1525) e nella grandiosa “Passione e Crocefissione” (il più famoso affresco rinascimentale della Svizzera sul tramezzo di Santa Maria degli Angeli a Lugano del 1529)sulle spalle dell’arco mediano “San Rocco e san Sebastiano”, sulla parete meridionale “Ultima cena”, nella prima cappella laterale la “Madonna col bambino e San Giovannino” e su un pilastro “Cristo in Pietà coi santi Francesco e Bernardino”..