Narcisismo

Rapporti patologici tra madre e figlio. la simbiosi incestuosa

l processo di maturazione psicologica che porta all’individua­zione[], rappresenta un processo di liberazione dai legami primari e di presa di coscienza della propria identità e del mondo circostante; esso a livello individuale indica il passaggio da uno stadio di identi­ficazione totale con la madre e l’ambiente esterno, a quello in cui si assume consapevolezza di essere un individuo diverso, distinto e indipendente rispetto agli altri. Ciononostante, l’uomo conserva permanentemente un vincolo affettivo, più o meno intenso, più o meno represso, alla sua origine biologica, molto spesso anche di ca­rattere erotico, che può costituire la causa di disturbi nevrotici e por­tare alle estreme conseguenze della distruttività e dell’istinto di morte[].

Secondo Fromm il mantenimento di una dipendenza affettiva morbosa verso la madre o la ricerca di legami che sostituiscano quelli primari non hanno effetti solamente sulla sfera della psicologia individuale, ma interferiscono anche a livello sociale; per Fromm fra i fattori all’origine dell’attrazione esercitata dallo stato totalitario e dal leader nei confronti delle masse vi è il fenomeno dellasimbiosi incestuosa[].

Secondo le analisi di Fromm, l’attaccamento pre-edipico alla madre, come da lui definito, costituisce un fenomeno basilare nello sviluppo psichico dell’individuo che, distinguendosi dall’attacca­mento incestuoso della fase edipica[], può essere riferito sia ai ma­schi che alle femmine; esso precede la fase genitale[] (ove, essendo l’attenzione degli impulsi libidici rivolta agli organi genitali, presenta un carattere prettamente sessuale) e si esplica attraverso un bisogno di protezione dal mondo esterno (“dai rischi della responsabilità, della libertà, della coscienza”[]), e un desiderio di soddisfazione nar­cisistica (che l’amore incondizionato della madre è in grado di offri­re).

L’aspirazione ad uno stato di benessere e di sicurezza, rappre­sentato dalla figura materna, non appartiene esclusivamente al bambino, ma anche all’individuo adulto, il quale è ancora più consa­pevole dei pericoli e delle sofferenze della vita. L’uomo “è diviso tra due tendenze sin dal momento della nascita: una, venire alla luce e l’altra regredire nel grembo; una per l’avventura e l’altra per la cer­tezza; una per il rischio dell’indipendenza e l’altra per la protezione e la dipendenza”[].

Per quanto riguarda il rapporto fra sessualità e attrazione nei confronti della madre, Fromm inverte le conclusioni a cui Freud era giunto[], rilevando che i desideri sessuali del bambino che hanno come oggetto il genitore, e che sono dovuti all’”esistenza della spin­ta genitale in età precoce”, “non sono la causa della fissazione alla madre, ma il risultato”[]; una prova di questa affermazione è fornita dalla differenziazione del comportamento fra maschi e femmine. Mentre il bambino è attratto sessualmente dalla madre, la bambina lo è rispetto al padre, tuttavia entrambi sono interessati da una fis­sazione incestuosa (ma priva di stimoli sessuali) per la madre; se ne deduce che il legame incestuoso con la madre sorge indipendente­mente dalla sfera sessuale, anche se per il maschio è connesso ad essa[].

Annunci

Un pensiero riguardo “Narcisismo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...