Mese: dicembre 2007

– 2 0 0 8 –

Dire "Buon" Anno … bisogna dirlo. Ci vuole un po’ di coraggio, perché si vedono cose non "buone" nel Mondo. Di più. Cose terribili. Vittime che si immolano per difendere le proprie idee, la pace, la democrazia (Bhutto … tra le altre … ), vittime delle prepotenze altrui, delle mafie, del terrorismo, degli stolti, dei furbastri, dei *pitecantropi*.. vittime della necessità di lavorare, seppur in condizioni precarie (operai travolti dal rogo della T. & K. a Torino … tra gli altri ..) … eppur bisogna crederci nell’anno che verrà (" caro amico ti scrivo / così mi distraggo un po’ […] l’anno vecchio è finito "). Vediamo, questo altro anno, cosa verrà fuori dal cilindro, vediamo 2008. Non voglio neanche commentare i fatti del Nostro Paese, perché dalle labbra uscirebbe lava bollente … il "New York Times" scrisse che siamo un "paese triste …" , è stato fin troppo gentile, se fossimo un paese triste saremmo persone serie, invece siamo superficiali, attaccati alle cose futili, attenti a "schivare le grane". Rubo delle parole da un trafiletto de "Il Mattino" : " le grane sono l’ossessione degli italiani, labirinti in cui nessuno si avventura … " già, perché se ti ci avventuri devi arrivarci alla grana e risolverla. Noi no. Noi italiani siamo pigri. Vogliamo il "massimo rendimento con la minima spesa", col minimo dispendio di energia, serietà ed impegno. Non * tutti * gli italiani, ma tanti: è il DNA. Il 31 sera sintonizzate i canali delle vostre TV : qualcosa ce la dovranno raccontare. W i gatti. Hanno sette vite. Non dite che sono cattiva. Di più. Sono realista. E per tanti è più che essere cattiva. Scappano dalle sentenze. Non mi piace indorare le pillole, pazienza (Cassandra fu maledetta da Zeus: condannata a non essere creduta seppur veritiera … eh … è un’altra storia .. non gliela diede … lui si offese … brutta cosa la vendetta ..). Chiamatemi quando c’è qualcosa di concreto. Mi chiamino i Medici Senza Frontiere, almeno come volontaria porto l’acqua agli assetati. Sfoghi a parte, prendete per mano i vostri bambini, siate sereni, esprimete desideri di pace e fratellanza per questo 2008 che sta per fare l’ingresso nelle nostre abitazioni, nei nostri luoghi di studio e di lavoro. Vi auguro *perseveranza* nelle cose buone e giuste. "Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime"(Luca – 21,5 – 19). Siate forti e coraggiosi nel 2008. Non posso dirvi quanto. Ma siatelo. Auguri … di maturità, come vi scrissi pure a Natale.Pecora nera

.. addobbi …

Albero e Presepe ci sono.
Piccoli angeli in pasta di sale.
Lucine.
Rossi sgargianti, bianchi immacolati, verdi rassicuranti …
Mi metto in fila con i Re Magi …
.. sotto una palma esotica …
Le pecorelle si sparpagliano, sono anime semplici …
Natale 2007.

i bambini …

I bambini ci insegnano tante cose. Quando entro nei reparti trovo tanta dignità in quei visetti. A Natale non c’è clown-dottore che tenga : stare lì non gli piace, puoi distrarli quanto vuoi, ma poi …  e hanno ragione! Fanno i conti con la loro malattia. Se gli porti dei doni li rigirano tra le mani, li guardano un po’ … poi però volgono gli occhi alla finestra, vorrebbero essere liberi, là fuori a giocare. Baratterebbero quella strenna che gli ho appena consegnato con ore e ore a sfrenarsi in cortile.

Crescono in fretta, per forza, per farsi coraggio. Sognano un po’. Sgranano gli occhi. Fanno domande a cui vorresti rispondere in modo diverso, per mostrargli una realtà migliore, ma se menti se ne accorgono, già … "speriamo passi", mi ha detto uno di loro. Non si riferiva a nulla in particolare, voleva solo che passasse, qualunque cosa fosse, qualunque cosa brutta. Cuore rosso Gli occhi … li guardi e pensi … : " quando ne avrò un/una mio/mia ?" … Lì conterà la salute, lì … più di tutto … Arcobaleno Ogni volta che potrò … sarò lì nei reparti … a dar LORO conforto … Stella.